Ciao, oggi voglio parlarti della pubblicità su facebook e come funziona il marketing attraverso la piattaforma di Mark Zuckerberg.

Ma per chi non conoscesse le facebook Ads partiamo dalle basi per poterci allineare nel resto dell’articolo.

Cosa sono le facebook Ads?

Le Facebook Ads sono una delle prime fonti di guadagno del social network di Mark Zuckerberg.

In realtà sono gli annunci che ogni tanto ti appaiono nella timeline mentre guardi i contenuti dei tuoi amici e si chiamano “sponsorizzate”.

Facebook detiene i dati di miliardi di utenti (oltre 2.40 miliardi di utenti attivi mensili nel 2019) di cui si conoscono fascia d’età, località, interessi e preferenze.

Possiamo addirittura lanciare campagne rivolte ad utenti che sono più inclini ad eseguire una determinata azione, senza considerare il fatto che possiamo tracciare gli utenti che hanno già eseguito un’azione rispetto ad un nostro post (like, condivisione ecc…) riproponendogli la nostra pubblicità (Retargeting).

Perché investire su facebook?

Grazie a Facebook puoi intercettare davvero le tue buyer personas, ovvero quelle persone che potenzialmente diventeranno tuoi clienti affezionati.

Puoi utilizzare Facebook sia per il B2B (business to business) che per il B2C (business to consumer).

L’importante è avere un calendario editoriale di pubblicazioni, fare Facebook Ads in modo costante e scrivere contenuti di valore.

Per esempio se hai una Pizzeria in centro dovresti pubblicare foto professionali delle tue pizze menzionando le farine, le materie prime che utilizzerai, etc…oppure se la tua Azienda produce termocamini a legna potresti evidenziare i suoi valori attraverso un video istituzionale emozionale, etc…

In conclusione è fondamentale investire su Facebook perché a differenza di prima (fino a 5 anni fa) quando avere un sito web era sufficiente per essere presenti in rete, oggi se non si è presenti su questo immenso canale social si corre il rischio di diventare pressoché inesistenti…e si potrebbero lasciare molti soldi sul tavolo.

Quanto budget investire in facebook ads?

Questa è una delle domande che frequentemente mi rivolgono i clienti.

La risposta è “DIPENDE”, perché se hai un business local con una base di utenti sotto le 150.000 persone sarebbe bene non scendere al di sotto di 10€ al giorno mentre se hai un ecommerce il budget da investire deve essere a 3 cifre e ci sentiamo di consigliare almeno 1.000€ al mese che sono poco più di 30€ al giorno altrimenti rischi di non ottenere risultati.

Bisogna tenere poi in considerazione molti fattori che possono incidere sull’efficacia della campagna come ad es. l’aumento del budget destinato alle sponsorizzate o l’andamento della performance legato alla stagionalità (Es. lanciare su Facebook una campagna sponsorizzata a Natale e più in generale nel mese di Dicembre, equivale a fare un bagno di sangue, perché storicamente in questo periodo tutti fanno Ads).

Per finire vale la regola in base alla quale più è competitivo il settore e più si alzeranno i costi.

Visto che Facebook detiene la maggior parte dei dati e immagazzina nel suo database tutto quello che fai, possiamo fare campagne mirate indirizzandole alle persone più inclini a fare determinate azioni.

Quindi in generale possiamo pagare le Ads per:

  1. Impression: in genere si fanno queste campagne il cui costo è legato alle visualizzazioni quando vogliamo far crescere il nostro Brand.
  2. Click: si paga ogni volta che un utente clicca sul post o interagisce con esso. Per esempio utilizziamo questo tipo di campagna quando vogliamo indirizzare l’utente su una Landing Page.

In conclusione gestire il budget per le sponsorizzate è una cosa abbastanza complessa!

Per esempio un’ottima strategia se parti da zero in una campagna sarebbe quella che io definisco 70/30 e consiste nello spendere il 30% del budget complessivo per capire bene qual è il nostro target di riferimento e quindi creare dei pubblici personalizzati (Custom Audience); successivamente si spenderà il 70% del restante budget per fare remarketing oppure veicolare la giusta comunicazione solamente verso quelle persone che hanno già mostrato interesse per il nostro prodotto/servizio.

facebook Ads e Google Ads: quale scegliere?

Dipende.

Dipende dal tipo di attività e dipende dal budget che hai da investire.

Secondo noi conviene utilizzare entrambe le piattaforme (FB+Google) perché fanno cose diverse.

La differenza tra Facebook Ads e Google Ads è questa: Facebook intercetta un pubblico latente, cioè mentre sei comodamente sul divano a scrollare la timeline…tutto d’un tratto ti ritrovi davanti agli occhi una sponsorizzata e non è detto che tu decida di acquistare in quel preciso momento.

Magari incuriosito dal copy o dalla grafica del post in questione potresti decidere di cliccare ed interagire con esso ma solo dopo decidere se fare o meno una determinata azione; ma anche se atterrassi su una Landing Page ci vorrebbe un po’ di tempo prima che tu possa prendere la decisione di acquistare.

La pubblicità su Google funziona diversamente, Google intercetta una domanda consapevole ovvero sei tu che fai una determinata ricerca esprimendo un tuo bisogno; questo il più delle volte significa che se dall’altra parte c’è una Landing Page che risolve quel tipo di bisogno allora avremo fatto bingo perché al 90% l’utente deciderà di contattare l’Azienda, oppure no.

“Allora mi conviene fare Google Ads invece di Facebook Ads?”

No perché se l’utente trova la Landing Page tramite Google ma poi non conclude l’azione contattando l’azienda o acquistando un suo prodotto/servizio nel caso di ecommerce, è sempre possibile sfruttare il pixel di facebook installato all’interno della Landing Page che traccerà l’utente e proporrà un retargeting su Facebook.

Hai presente quando fai una ricerca di un prodotto su Amazon e poi quel prodotto lo rivedi sempre anche su Facebook?

Ecco, quello è il retargeting ed è presente in quasi tutte le tipologie di funnel.

Acquisire clienti con facebook

Una delle cose più importanti per un’azienda e per qualsiasi tipo di attività è quella di poter contare su un flusso costante di clienti: ma come si può fare?

Ci viene in aiuto la pubblicità su Facebook più qualche altra strategia.

Appunto perché su Facebook si intercetta una domanda latente e non consapevole, (vedi Google) l’utente prima di eseguire un’azione che potrà essere l’acquisto di un prodotto oppure una richiesta di consulenza ha bisogno di essere sicuro di aver trovato l’Azienda che fa al caso suo e quindi sta a noi fornire più informazioni possibili al fine di stringere una relazione con il nostro potenziale cliente.

Per farlo sceglieremo uno o più canali di comunicazione che potrebbero essere un gruppo facebook, l’email, il chatbot o whatsapp.

Questo processo si chiama Lead Generation e puoi immaginarlo come un percorso che passando attraverso un funnel di vendita, parte dall’acquisizione del lead (contatto) e termina con la sua trasformazione in cliente.

Copy e creatività nelle facebook Ads

Oggi viviamo nell’era in cui l’attenzione delle persone è sempre minore.

Veniamo continuamente distratti da mille cose, notifiche, suoni, popup ecc…

Riuscire a farci notare in questo grande oceano digitale è davvero un’impresa ardua!

Ecco allora alcuni consigli per gestire al meglio copy e proporre una grafica che attiri subito l’attenzione dell’utente.

Per il copy utilizza parole quali: Urgente, Subito, Finalmente, Adesso, Attenzione, Dominare.

Es. di titolo persuasivo “Come dominare il mercato grazie ai 7 segreti per gestire gli immobili”.

La parola da evitare invece è “Comprare”. (ricorda che su Facebook non si vende niente ma si aiuta a comprare!)

Per quanto riguarda la grafica ti consiglio di realizzare immagini accattivanti, che abbiano uno sfondo che stacchi con il bianco della timeline di Facebook.

facebook ads local

La pubblicità su base local viene trascurata da molte aziende ma è molto efficace se fatta con la giusta strategia.

Andiamo subito al sodo.

Cosa va fatto?

Gestiamo da anni le Ads per attività local in diversi settori e con una certa sicurezza possiamo dirti questo: la pubblicità che funziona maggiormente è quella che ha una presenza costante nelle Ads.

Bisogna stabilire un budget (Es. 300€ al mese) e non stoppare mai le campagne, ovviamente dopo aver capito cosa funziona e cosa no, fatti i dovuti a/b test ecc…

Un’altra cosa che funziona a livello local sono le Ads abbinate a campagne offline tipo i Poster 6×3 che contribuiscono a rafforzare il brand.

La differenza tra pubblicità tradizionale e pubblicità su facebook

La pubblicità tradizionale è ormai superata.
​​​​​
Rimane piatta sul foglio o sul video e non è in grado di offrire dettagli approfonditi al potenziale cliente sul prodotto/servizio sponsorizzato.

Oggi i tempi sono cambiati!
​​​​​
L’utente medio guarda sempre meno i cartelloni pubblicitari e sempre più la timeline del suo cellulare.

Per questo motivo, la pubblicità su Facebookè più efficace di un costoso servizio di volantinaggio.
​​
Con Facebook paghi meno e guadagni di più.
​​​​
Una pubblicità online efficace mira ad un pubblico preciso ed interessato al tuo prodotto/servizio, raggiungendo un numero incredibile di persone in poco tempo.​​​​​
​​​
Il Marketing sui social è il futuro (anche per la tua Azienda).
​​​​
La pubblicità sul web è pienamente efficace perché crea una relazione diretta con il potenziale cliente e rafforza in modo considerevole il tuo Brand.
​​​​​
Il vantaggio è doppio: il cliente interagisce facilmente con la pubblicità online documentandosi a pieno sul prodotto/servizio; il reparto Marketing studia il cliente e pianifica la migliore comunicazione di vendita possibile.
​​​​​​
Inoltre, il Marketing online è misurabile, la pubblicità cartacea no.

Esempio di campagna “svuota tutto” su facebook

Ho svolto il lavoro per il lancio di una Campagna Local del genere “SVUOTA TUTTO” per un noto mobilificio di Frosinone.​​​​

Quasi 70.000€ in meno di 2 mesi.

1 – La prima considerazione da fare quando si lancia una campagna local tipo “Svuota Tutto” è questa: quanto gli utenti conoscono già il mio brand?

Ricordati che su Facebook la gente non è li per acquistare, quindi è buona pratica far girare prima alcuni post per spiegare la mission, fare storytelling, spiegare i motivi per cui le persone dovrebbero sceglierti.

Quando fai advertising su facebook a livello locale bisogna essere moltopresenti (le Ads devono girare spesso).
Utilizzare diverse creatività inoltre aiuta molto.

2 – In una campagna “Svuota Tutto” una cosa che funziona molto (lo diciamo perché l’abbiamo già testata con ottimi risultati) è proporre in coordinato con le campagne Facebook la pubblicità tradizionale, nello specifico attraverso manifesti 6×3 e pagine di quotidiani/riviste locali.

3 – Utilizza meno possibile la targettizzazione perché il pubblico è spesso già molto ristretto.

Utilizza una Landing Page specifica che informa il potenziale cliente in modo dettagliato su quello che stai proponendo, evita di mandare traffico sul tuo sito perché la cosa risulterebbe troppo dispersiva.

4 – Sfrutta Messenger con un messaggio programmato (O sequenza Chatbot).

Non sai cos’è un Chatbot?

Il chatbot funziona alla grande se e solo se viene messo al servizio dei clienti; inoltre puoi fare lead generation e quindi creare un canale diretto di comunicazione con i tuoi clienti, aumentando in questo modo le aspettative di acquisti ripetuti.

Crea delle campagne Facebook per messaggi e vedrai che le conversioni triplicheranno.

Conclusione:

E’ importante testare sempre diverse campagne e diverse creatività diversificando i budget.

La bacchetta magica non esiste e non è detto che quello che ha funzionato per me potrebbe funzionare anche per te.

Utilizzi il chatbot nel tuo facebook marketing?

Hai mai avuto a che fare con un Bot?

Sicuramente si!

Ma prima forse è meglio capire cos’è un chatbot, nel caso tu non lo sappia.

Il chatbot è una vera e propria intelligenza artificiale.

E’ un assistente virtuale che stabilisce un contatto e una relazione con il tuo potenziale cliente, quando non ci sei o quando non puoi rispondere a tantissime persone nello stesso momento.

Il termine “chatbot” deriva dall’inglese “to chat” che significa chiacchierare, e “bot” che è l’abbreviazione di robot.

Il chatbot infatti chiacchiera, può essere programmato per rispondere e fare domande, per creare nuove liste di clienti oppure per diffondere contenuti a chiunque sia interessato al tuo business.

E parlando proprio del tuo business hai mai provato ad ottimizzare il tuo tempo con un chatbot?

Un chatbot:

  • È più personale ed interattivo rispetto ad una email;
  • Instaura una conversazione one to one, come una vera e propria “chiacchierata virtuale” tra due persone;
  • È in continua crescita nel mondo del digital marketing;
  • Non riempie la tua casella di posta;
  • Può fornire risposte di emergenza;
  • Può aiutare i tuoi utenti a risolvere un problema;
  • Può farti guadagnare di più.

In sostanza, aggiungendo un tono personale e facendo sentire sempre la tua presenza ai tuoi utenti, puoi davvero fare marketing in modo innovativo, divertente e senza la preoccupazione di dover combattere costantemente per creare un nuovo lead, (contatto interessato )perché il chatbot lo farà al posto tuo!

Sapevi che il 34% degli utenti preferisce usare un chatbot come mezzo per accedere al servizio assistenza, piuttosto che parlare con un operatore?

Il chatbot può darti tutti questi vantaggi e tanti altri, ma soprattutto può farti risparmiare tempo prezioso.

Se non ottimizzi il tuo tempo, difficilmente otterrai grandi risultati; al contrario correresti il rischio di spendere e disperdere le tue risorse in modo poco efficace.

Caso di studio #1: facebook ads e il caso di “Buona Pizza”

Cliente: Buona Pizza Frosinone, Pizzeria da asporto e consegna a domicilio.

Obiettivi: garantire la presenza del maggior numero possibile di persone nel giorno dell’inaugurazione; creare una forte identità di Brand ed implementare una strategia di marketing a lungo termine.

Come prima cosa abbiamo analizzato i punti di forza del cliente ed il prodotto offerto, ovvero sua maestà “la pizza” ma non pizza tradizionale, bensì una pizza fatta con farine pregiate di grani antichi, trasportabile in un contenitore 100% biodegradabile che ne conserva la fragranza ed il profumo.

La prima esigenza è stata quella di realizzare una serie di foto professionali delle pizze, dopodiché abbiamo iniziato a comunicare i punti di forza della Pizzeria tramite una pagina facebook creata ad hoc per l’occasione, cominciando a pubblicare contenuti fotografici e video di grande impatto visivo.

Parallelamente abbiamo lanciato una campagna di lead generation tramite chatbot che ha generato oltre 400 contatti in meno di una settimana.

Il Lead Magnet utilizzato per indurre l’utente ad iscriversi era costituito da un “buono” che dava il diritto di mangiare il dolce gratuitamente il giorno dell’inaugurazione, oltre alla pizza già offerta, naturalmente.

Abbiamo poi fatto diverse campagne facebook ads per una spesa di €500 in una settimana.

Abbiamo inviato diversi messaggi tramite chatbot, tra cui alcuni di “remind” per ricordare la data dell’inaugurazione.

Risultato: il giorno dell’inaugurazione c’è stato davvero tanto movimento!

Grazie alle Facebook Ads abbiamo stimolato il passaparola a livello local ed in una sola settimana la nostra strategia di marketing ha permesso di registrare un incasso di oltre 5000€, che non è poco per una start-up di cui fino a ieri non si sapeva nulla.

Come vedi il Chatbot e l’utilizzo delle facebook Ads sono stati fondamentali per la riuscita del progetto.

Caso di studio #2: vendere 80 libri al mese con 15€ al giorno di spesa in facebook Ads

questa volta il nostro cliente aveva l’obiettivo di vendere su scala nazionale ma ci aveva dato indicazioni di budget precise: non spendere più 15€ al giorno.

Costo del libro in vendita €28,00

Cliente: Autore di ricette culinarie con libro autoprodotto.

Obiettivi: Vendita del libro attraverso una Landing Page

La prima cosa che abbiamo fatto è stata quella di analizzare il potenziale cliente, quindi ci siamo preoccupati di acquisire informazioni e dati sulla tipologia di business da sviluppare.

Abbiamo iniziato a fare delle campagne Facebook per interazione, mostrando foto di piatti tratti dalle ricette contenute nel libro e nello specifico le campagne puntavano a far sì che l’utente interagisse con i post tramite like e condivisioni, in modo da poter tracciare ogni singolo utente e creare un pubblico lookalike (pubblico simile a quello che ha interagito).

Visto che il pubblico creato aveva di fatto già mostrato un certo interesse verso i contenuti proposti, abbiamo lanciato subito una campagna che induceva all’acquisto attraverso una Landing Page; così facendo, anche in questo caso ci è stato possibile tracciare l’utente tramite il pixel di Facebook (un codice che va inserito nelle pagine web del sito) per poi eseguire il retargeting, ovvero far rivedere più volte la campagna a quelle persone che avevano visitato la Landing Page ma non avevano ancora acquistato.

Per diverse motivazioni un utente non acquista subito: perché è sul treno, perché in quel momento ha altro da fare ecc…

Per questo è bene sempre fare retargeting e mostrare più volte agli stessi utenti la stessa campagna; un po’ come fa anche Amazon per intenderci.

Risultato finale, con una spesa di € 450 in Facebook Ads si è generata una vendita di 80 libri e visto che ogni libro costava € 28 l’incasso generato in un mese è stato di € 2.240, con un profitto di € 1.790.

Conclusione

Per concludere avrai ben capito che la pubblicità su facebook è importantissima ma va fatta con metodo e strategia perché in fin dei conti la gente su facebook non è li per acquistare prodotti ma per farsi i fatti degli altri o per passatempo quindi dobbiamo in qualche modo attirare l’attenzione e poi far entrare in un funnel i nostri potenziali clienti.

Per oggi è tutto, al prossimo articolo.

LIBRO CONSIGLIATO: Facebook Ads in pratica di Michael Vittori

Hai bisogno di una consulenza?